L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) è stato finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), insieme agli Istituti partner (Istituto Nazionale di Astrofisica-INAF e National Observatory of Athens-NOA), con il progetto INTENS (characterisation of IoNospheric TurbulENce level by Swarm constellation), il cui obiettivo è studiare la natura e le proprietà della turbolenza osservata nella ionosfera attraverso i dati raccolti dai tre satelliti della missione Swarm (LINK).

Lo strato più alto dell’atmosfera terrestre, la cosiddetta “ionosfera”, subisce costantemente perturbazioni dovute all’attività del Sole. Queste sono responsabili dell’instaurarsi di moti vorticosi molto simili a quelli che si osservano nelle acque di un fiume quando incontrano ostacoli come le rocce o i piloni di un ponte.
Dal punto di vista elettromagnetico ciò produce un ambiente fortemente instabile e “turbolento”, con effetti talvolta molto seri sulla propagazione dei segnali radio e sull’accuratezza dei sistemi GPS.
Partito il 3 dicembre, il progetto INTENS si propone quindi di esplorare e caratterizzare la turbolenza ionosferica al variare delle condizioni dello spazio interplanetario che risentono dell’attività solare.

#ingv #intens #ionosfera #esa #turbolenzaionosferica #spazio

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia
box Gallery 232