Sono almeno 69 le vittime tra la popolazione, secondo un aggiornamento purtroppo non definitivo, della drammatica eruzione esplosiva del Volcan de Fuego, in Guatemala, avvenuta lo scorso 3 giugno 2018.  
Il Fuego è un vulcano che erutta magmi con chimismo andesitico-basaltico, che appartiene alla catena di vulcani centroamericana formatasi a causa dello sprofondamento (subduzione) della placca di Cocos sotto quella Nord-americana. Anche per questo motivo, le sue eruzioni sono spesso esplosive, soprattutto per l’elevato contenuto di acqua nei suoi magmi.
L’analisi del materiale video-fotografico reperibile in internet (fonte: Ansa) non permette ancora una ricostruzione dettagliata degli eventi eruttivi del 3 giugno, anche perché al momento dell’eruzione il vulcano era coperto da una spessa coltre di nubi. È possibile, ciononostante, delinearne una prima dinamica in base ad alcune osservazioni.
Una intensa esplosione ha prodotto l’emissione di  una miscela di gas, cenere, lapilli e frammenti lavici, forse provocando anche il simultaneo cedimento di una porzione laterale del cratere. A causa dell’elevato tasso eruttivo e dell’alta densità del materiale eruttato, questa miscela ha formato un flusso piroclastico (talvolta detto anche valanga o corrente piroclastica, o nube ardente), che si è propagato soprattutto verso Sud, guidato dalla morfologia del fianco del vulcano.
I flussi piroclastici generati da questo tipo di eruzioni esplosive sono tipicamente caratterizzati da un’alta velocità (variabile normalmente tra 30 e 40 m/s, ovvero 110-150 km/h), che li rende turbolenti (cioè vorticosi) e capaci, quindi, di superare importanti rilievi topografici, sebbene si propaghino prevalentemente lungo le valli ed i bacini scavati sul pendio del vulcano dai corsi d’acqua. Questi flussi piroclastici sono in grado di erodere il suolo, aumentando il proprio volume e miscelandosi con l’acqua presente nel terreno. La loro energia d’impatto può essere superiore a quella di un tornado e sono in grado di radere al suolo, nelle zone più vicine alla bocca eruttiva, intere foreste e centri abitati. Anche le regioni più periferiche e distali raggiunte dai flussi piroclastici sono estremamente pericolose a causa dell'elevata concentrazione di cenere che impedisce la respirazione.
Le immagini dell’eruzione mostrano alcuni edifici in fiamme e segni di ustione sulle vittime e sui feriti. La temperatura dei flussi piroclastici è normalmente inferiore a quella del magma eruttato, ma spesso supera i 400°C (la combustione del legno avviene tra 260 e 315°C, mentre l’esposizione a temperature superiori a 100°C per pochi minuti è letale per l’uomo e per gli animali).
Le ceneri, ancora incandescenti, deposte dai flussi piroclastici, sono state successivamente mobilizzate dalle precipitazioni e dalle acque superficiali, generando anche letali flussi di fango bollente che, seguendo il corso di fiumi e torrenti, hanno travolto i centri abitati, causando ulteriore distruzione e morte. Si tratta dei cosiddetti lahar, osservabili in diverse, drammatiche immagini dell’eruzione facilmente reperibili in internet.
L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia continua a seguire e studiare l'evento del 3 giugno del Vulcan de Fuego per il suo estremo interesse scientifico e sociale, anche ai fini della mitigazione del rischio dei vulcani italiani.

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

box Gallery 232