Appuntamento a Procida, dal 10 al 24 settembre, per la Scuola di Formazione Estiva Archeologia e Beni Culturali di terra e di mare. La pratica dello scavo archeologico e le nuove tecnologie di studio, documentazione ed esibizione.

Fra le novità di questa edizione, un modulo dedicato ai sistemi innovativi di monitoraggio dei beni monumentali in area sismica, condotto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) che, con l’Ateneo Suor Orsola di Napoli e il Comune di Procida, ha realizzato il bando in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse dell'Università Federico II di Napoli, il Dipartimento di Beni Culturali dell'Università del Salento e la Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana.

Al programma formativo, inoltre, parteciperà il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) con l’Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale Vasca Navale (INSEAN), l’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente (IREA), l’Istituto di studi sui sistemi intelligenti per l'automazione (ISSIA) e L'Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara (IFAC). Si parlerà delle nuove frontiere per il rilevamento e la ricerca in ambienti marini e costieri.

L’iscrizione alla scuola è gratuita e aperta a studenti, specializzandi e operatori di diversi settori (al fine di diffondere le conoscenze sulle tecnologie avanzate nel settore dei Beni Culturali, le spese di soggiorno sono state minimizzate grazie ad accordi con le strutture di accoglienza procidane).

Il bando, con le informazioni scientifiche e pratiche, e la procedura di iscrizione per via telematica è consultabile al link: https://www.unisob.na.it/universita/dopolaurea/formazione/archeologia

Laboratorio Summer School 2

 

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232