Mercoledì 23 maggio alle 15.30, nella Sala Conferenze dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Roma, si terrà un seminario su le condizioni di meteorologia spaziale all'epoca del naufragio del Dirigibile Italia nel 1928. Si proverà a spiegare i problemi incontrati dai naufraghi nelle comunicazioni radio. Difficoltà che, lungo i decenni del secolo scorso fino a oggi, hanno generato forti discussioni e controversie descritte in memoriali, articoli di giornale e processi giudiziari. Per formulare alcune ipotesi sul contesto geofisico degli eventi di allora, sono state applicati modelli di mapping ionosferico e antiche osservazioni geomagnetiche. Le mappe che descrivono la zona d’ombra attorno a un punto di trasmissione mostrano chiaramente come la radio frequenza di 9.4 MHz, utilizzata dai sopravvissuti, non potesse essere ricevuta in tutta la regione delle Isole Svalbard. Oltre a ciò, sono state considerate anche l’intensa tempesta magnetica dei giorni successivi al disastro e la peculiare morfologia della ionosfera ad alta latitudine.

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

box Gallery 232