“È un piccolo recipiente circolare lateralmente forato in otto parti indicanti i quattro punti cardinali e gli intermedii. Sito in un piano perfettamente orizzontale, e ripieno di mercurio che lambe i fori, e che, per conseguenza, può versarsi ad ogni lievissima oscillazione, e nel senso della oscillazione medesima. Altrettanti vasellini quanti sono i fori, e a questi sottoposti, ricevono il mercurio che si versa, il quale può indi rimettersi nel recipiente. Il mercurio versato in vasellini opposti indicherà le scosse ondulatorie dei tremuoti, e ne segnerà le succussorie qualora trovasi versati o in tutti o nella maggior parte di essi.”

 ns13 cacciatore 1Così nell’Annuario del 1842 Gaetano Cacciatore (1814-1889) descriveva, per la prima volta, il sismoscopio a mercurio introdotto all’Osservatorio astronomico di Palermo dal padre Nicolò, per descrivere i rilievi fatti in occasione del terremoto dell’8 settembre 1818 alle Madonie. Vista la località, spesse volte colpita dai terremoti, Nicolò Cacciatore (1780-1841), dal 1817 Direttore della Specola palermitana, volle infatti fornire il suo Istituto di un apparecchio capace di registrare la direzione e anche, in una certa misura, l’intensità del movimento del suolo. Lo strumento sismico, il più antico esistente al mondo, forse non a caso, ne ricorda uno analogo ideato nel 1703 dall’abate francese Jean De Haute-Feuille (1647-1724) in occasione dei grandi terremoti dell’Appennino Umbro-reatino e dell’Aquilano, testimonia quanto la sismologia sperimentale affondi parte delle sue radici nell’astronomia ma anche nelle pratiche popolari. “Il popolo suole adattare in un perfetto piano de’ bicchieri ricolmi zeppi di acqua, sicchè arrivi questa a soverchiare gli orli del vaso mercé la sua figura agglobata, senza ch’ella trabocchi punto all’intorno” scriveva il filosofo Francesco Saverio Salfi (1759-1832) in un Saggio del 1787.

ns13 cacciatore 2

Nel giugno del 1827, Nicolò Cacciatore fece costruire un nuovo sismografo di legno di bosso, collocandolo nei locali dell'Osservatorio in una nicchia sopra una base di marmo, esemplare tuttora conservato presso l’Osservatorio Astronomico di Palermo. Nel 1898 Pietro Tacchini (1828-1905), promosse la realizzazione di un Museo della Sismometria Italiana presso l’allora Ufficio Centrale di Meteorologia e Geodinamica (UCMG) di cui era direttore. Uno dei primi strumenti ad arricchire questo museo fu proprio il primo sismoscopio a mercurio Cacciatore, dono di Francesco Paolo Crescimanno, direttore della stazione termo-udometrica e sismica di Corleone. Tacchini scrisse che si trattava dello stesso apparecchio fatto costruire da Nicolò Cacciatore e funzionante nella Specola palermitana sin dal 1818, testimonianza attendibile dal momento che egli operò, per più di quindici anni (1863-1879), come assistente di Astronomia presso l'Osservatorio palermitano, sotto la direzione di Gaetano Cacciatore. Lo strumento è oggi conservato presso il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), che ha recentemente incorporato l’erede dell’UCMG.

Nel quadro di una lunga collaborazione fra i due istituti, è stato possibile esporlo in occasione di mostre organizzate da e in collaborazione con INGV: (Firenze 2013, “Dal cielo alla terra. Meteorologia e sismologia dall’Ottocento a oggi; Torino 2014, “Osservati, osservanti, osservatori: 250 anni di scienza dei terremoti in Italia”. In occasione della mostra “TERREMOTI” al Museo di Storia Naturale di Milano, la sua ultima apparizione.

ns13 cacciatore 3

Newsletter n.13

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

on 21 Giugno 2017

Una vera e propria sfida. Ridurre le emissioni inquinanti è oramai l’unica strada per limitare l’aumento della temperatura globale e,...

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

on 21 Giugno 2017

INGV e CNR per la prima volta al Bari International Film Festival, una delle più importanti kermesse nazionali dedicate al...

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

on 21 Giugno 2017

Il prossimo 15 Gennaio ricorrerà il cinquantesimo anniversario del terremoto che nel 1968 sconvolse la Valle del Belice. Le immagini...

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

on 21 Giugno 2017

In caso di terremoto dannoso, generalmente sopra Magnitudo 5.0, è previsto che l’INGV metta in campo le squadre per il...

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

on 21 Giugno 2017

In omaggio al celebre comico, con una visita-spettacolo nel cratere flegreo si è fatto il punto sulla ricerca scientifica e...

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

on 21 Giugno 2017

È ormai una moda. Le fake news, o semplicemente bufale nel gergo giornalistico, riescono a influenzare proprio tutti. Spacciate per...

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

on 21 Giugno 2017

Un Chiodo d’Oro per segnalare ufficialmente la base del Global Stratotype Section and Point (GSSP) del piano Chattiano nella sezione...

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

on 21 Giugno 2017

Oltre 5000 i visitatori che hanno partecipato alle attività organizzate dall'INGV in occasione del Villaggio per la Terra 2017, che...

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

on 21 Giugno 2017

“È un piccolo recipiente circolare lateralmente forato in otto parti indicanti i quattro punti cardinali e gli intermedii. Sito in...

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

on 21 Giugno 2017

Con TerraItaliana, gli studenti della classe II L dell’Istituto Tecnico Industriale Statale (Itis) Galileo Galilei di Roma sono arrivati primi...

La seconda vita degli strumenti storici

La seconda vita degli strumenti storici

on 21 Giugno 2017

La rinascita di strumenti antichi, dopo un danneggiamento, oltre a essere una prescrizione dello Stato, rappresenta l’occasione per una rievocazione...

La comunicazione in emergenza

La comunicazione in emergenza

on 21 Giugno 2017

Come affrontare l’emergenza nel mare magnum delle notizie non sempre verificate sul web e sui social. Se ne è parlato...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004