La rinascita di strumenti antichi, dopo un danneggiamento, oltre a essere una prescrizione dello Stato, rappresenta l’occasione per una rievocazione del pensiero creativo di chi li ha ideati e del contesto storico-scientifico da cui hanno avuto origine

ns13 strumenti storici induttoreSe il castello cinquecentesco de L’Aquila, ferito dal terremoto del 2009, tornerà alle sue funzioni, rafforzato grazie a un imponente lavoro di ristrutturazione, alcuni tra i più interessanti strumenti storici dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) all’interno della fortezza, anch’essi danneggiati dal sisma, potranno tornare alla luce dopo una delicata operazione di recupero effettuata in casa INGV. La Sezione Roma2 vanta un luogo in cui ciò è possibile, operando secondo le norme standard del Catalogo Generale dei Beni Culturali e documentando (prima-durante-dopo) le modalità degli interventi effettuati per le varie tipologie di degrado. La metodologia seguita è sempre la stessa: analisi critica del contesto storico-scientifico, diagnosi e intervento di recupero. L'obiettivo: garantire il rigore scientifico nel momento della rivalorizzazione, conservando la materia e l'immagine storica del bene. Per preservare dal degrado e dalla distruzione i beni scientifici culturalmente riconosciuti come oggetti “di pregevole testimonianza avente valore di Civiltà”, una norma legislativa (D.L. n.137/2002 e successive modifiche) che dà precisi indirizzi agli Enti ‘possessori’.

Oltre al recupero dello strumento, si punta a un approccio il più possibile conservativo, mediante un procedimento storiografico delle competenze progettuali del passato. Molti gli attrezzi utilizzati: da una utensileria meccanica a quella dai nomi romantici come lo sgarzino (stilo con punte a lame per incidere e graffiare), il gratta bugie (penna animata in fibre di vetro o kevlar per rimuovere ossidi e concrezioni), l’ablatore, il bulino, il truschino, le mirette (forchette per modellare in situ paste e stucchi), lo specillo (stilo a punte inox per la pulizia meccanica manuale), i bisturi chirurgici, la pelle di daino (che pulisce anche il mercurio sporco), quella di squalo (per patine e ebanisterie) e altri semplici attrezzi che vengono auto-costruiti se necessario, fino alle più moderne tecnologie come le vasche a ultrasuoni per pulire i pezzi, anche non smontabili, mediante la cavitazione, il microscopio digitale e il laser portatile da restauro.ns13 strumenti storici teodoloite restaurato

Fra le “creature rianimate”, il raro magnetometro tedesco Askania del 1940, detto Teodolite di Schmidt dal nome del suo ideatore Prof. Adolph Schmidt, direttore dell’Osservatorio Magnetico di Postdam. Lo strumento, donato all’Istituto Nazionale di Geofisica (ING) nell’ambito del progetto di ricostruzione post seconda Guerra Mondiale, l’European Recovery Program, il cosiddetto Piano Marshall, arrivò a L’Aquila agli inizi degli anni Sessanta e venne usato fino al 1976 per definire i valori assoluti del campo magnetico terrestre. Il suo uso, molto impegnativo, richiedeva tre ore e mezzo per effettuare una misura completa. Dal ’77 fu conservato nell’area museale del castello. Il magnetometro è stato riportato all’iniziale bellezza dopo dieci mesi di intervento sulla struttura, fortemente danneggiata per la caduta e durante la permanenza sotto le macerie. Grazie ai disegni tecnici dell’epoca si è potuto ricostruire il puntale serra-filo alloggiato nella testa di torsione, ricostruito integralmente in casa.

Di recente risistemazione anche la Cassetta delle Oscillazioni, altro strumento che lavora in tandem e a completamento del teodolite di Schmidt, per la misura della declinazione e dell’intensità della componente orizzontale del campo magnetico terrestre. L’entità dell’intervento conservativo ha riguardato la rimozione dei depositi e concrezioni e l’arresto del degrado mediante protezione passiva su tutti i materiali. Alla data attuale non sono stati ritrovati i componenti magnetici accessori mancanti. I due termometri a mercurio in dotazione, anch’essi dispersi, sono provvisoriamente sostituiti da esemplari simili, coevi ma non originali.

ns13 strumenti storici teodolite puntale

Altro interessante strumento è l’Induttore Terrestre Askania, acquistato dall’Istituto Nazionale di Geofisica nel 1951. Per questo geniale inclinometro, si è trattato del primo recupero completo dopo un forte deturpamento causato dalla caduta. Il lavoro minuzioso di ripristino, realizzato quasi completamente a mano, è stato favorito dall’architettura semplice degli elementi, facilmente scomponibili, e dall’assenza di precedenti irreversibili manomissioni. Rimangono ancora in lavorazione un declinometro di Grenet, fortemente danneggiato, utilizzato nello studio delle micropulsazioni del campo magnetico terrestre, variazioni rapide da pochi minuti a qualche frazione di secondo, la Bilancia di Scout, un magnetometro portatile e l’apparato magnetico integrato D-H-Z per la registrazione fotografica delle variazioni temporali del campo magnetico.

Diverse le collaborazioni sinergiche con differenti istituzioni, anche quelle scolastiche. Si è concluso da pochi mesi un progetto di alternanza scuola-lavoro con alcuni studenti dell'istituto di istruzione superiore "Leopoldo Pirelli" di Roma, con l'obiettivo di trasferire il metodo con cui si catalogano e reperiscono informazioni su strumenti facenti parte di collezioni museali. Il progetto ha prodotto risultati ha portato alla costruzione di un sito web, consultabile all'indirizzo ionos.ingv.it/ASL2017/index.html. Lo scorso anno un'attività simile è stata realizzata con alcuni studenti della scuola più antica d'Italia (nata nel 1871), il "Leonardo da Vinci" di Roma, per un progetto sulla ricognizione e ripristino degli strumenti del museo storico di fisica della scuola.

Newsletter n.13

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

on 21 Giugno 2017

Una vera e propria sfida. Ridurre le emissioni inquinanti è oramai l’unica strada per limitare l’aumento della temperatura globale e,...

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

on 21 Giugno 2017

INGV e CNR per la prima volta al Bari International Film Festival, una delle più importanti kermesse nazionali dedicate al...

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

on 21 Giugno 2017

Il prossimo 15 Gennaio ricorrerà il cinquantesimo anniversario del terremoto che nel 1968 sconvolse la Valle del Belice. Le immagini...

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

on 21 Giugno 2017

In caso di terremoto dannoso, generalmente sopra Magnitudo 5.0, è previsto che l’INGV metta in campo le squadre per il...

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

on 21 Giugno 2017

In omaggio al celebre comico, con una visita-spettacolo nel cratere flegreo si è fatto il punto sulla ricerca scientifica e...

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

on 21 Giugno 2017

È ormai una moda. Le fake news, o semplicemente bufale nel gergo giornalistico, riescono a influenzare proprio tutti. Spacciate per...

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

on 21 Giugno 2017

Un Chiodo d’Oro per segnalare ufficialmente la base del Global Stratotype Section and Point (GSSP) del piano Chattiano nella sezione...

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

on 21 Giugno 2017

Oltre 5000 i visitatori che hanno partecipato alle attività organizzate dall'INGV in occasione del Villaggio per la Terra 2017, che...

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

on 21 Giugno 2017

“È un piccolo recipiente circolare lateralmente forato in otto parti indicanti i quattro punti cardinali e gli intermedii. Sito in...

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

on 21 Giugno 2017

Con TerraItaliana, gli studenti della classe II L dell’Istituto Tecnico Industriale Statale (Itis) Galileo Galilei di Roma sono arrivati primi...

La seconda vita degli strumenti storici

La seconda vita degli strumenti storici

on 21 Giugno 2017

La rinascita di strumenti antichi, dopo un danneggiamento, oltre a essere una prescrizione dello Stato, rappresenta l’occasione per una rievocazione...

La comunicazione in emergenza

La comunicazione in emergenza

on 21 Giugno 2017

Come affrontare l’emergenza nel mare magnum delle notizie non sempre verificate sul web e sui social. Se ne è parlato...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232