In omaggio al celebre comico, con una visita-spettacolo nel cratere flegreo si è fatto il punto sulla ricerca scientifica e sul monitoraggio vulcanico dei Campi Flegrei

ns13 finto inferno toto fotogramma"Se noi organizzassimo un bell'inferno, con fumo, fiamme, anime vaganti ... Ma dove lo troviamo l'inferno, noi? ... A un chilometro da qui, ai Campi Solfurei. Allora, andiamo tutti all'inferno!". L'inferno fasullo di cui si parla, nel film di Carlo Ludovico Bragaglia "47 morto che parla" (1950), è la Solfatara di Pozzuoli, nei Campi Flegrei, vicino Napoli. È qui che i notabili del paesino del ricchissimo e avaro barone Antonio Peletti, interpretato da Totò, organizzano una messinscena per far credere al loro spilorcio compaesano di essere morto e di essere capitato all'inferno. Lo scopo è quello di sottrargli una cassetta di oro e preziosi, ricchezze destinate in parte dal padre del barone alla costruzione della scuola comunale.

L' ambientazione nel cratere flegreo, ricco di diffuse emissioni fumaroliche, allora conferì alla scena notevole verosimiglianza e forte suggestione, rendendola memorabile. Ebbene, quella scena è stata recentemente interpretata, con attori moderni, nel Totò Solfatara Day, giornata di approfondimento scientifico sui Campi Flegrei, organizzata dall'Ordine regionale dei Geologi, in collaborazione con l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il Vulcano Solfatara e il DISTAR (Dipartimento di Scienze della Terra, dell'Ambiente e delle Risorse) dell'università di Napoli. Nel corso della giornata, Francesca Bianco, direttore dell'INGV - Osservatorio Vesuviano, ha evidenziato le principali ragioni e sfide del monitoraggio vulcanico nell'area dei Campi Flegrei, mentre Vincenzo Morra, petrografo del DISTAR, ne ha illustrato gli aspetti geologici.

Come è noto, la caldera vulcanica flegrea, la cui ultima eruzione è avvenuta nel 1538, si trova dal 2012 in uno stato di attività corrispondente al livello di allerta "giallo", o di "attenzione", previsto dal Piano Nazionale di Emergenza del Dipartimento della Protezione Civile (DPC). Il livello di allerta "giallo" si differenzia da quello "verde", corrispondente all'ordinaria attività del vulcano, per la variazione di alcuni dei parametri monitorati. La principale evidenza è il lento sollevamento del suolo - circa 40 cm in dieci anni - che ne sta caratterizzando la dinamica. L'ultima fase bradisismica era avvenuta negli anni 1982 - 1984.

Insieme alle deformazioni del suolo, nell'area dei Campi Flegrei, si registra una modesta sismicità, ridotta quando la velocità di sollevamento diminuisce, e una sostenuta emissione di gas fumarolici, nella Solfatara e nell'area di Pisciarelli. Tra i gas emessi prevalgono, oltre al vapor acqueo, anidride carbonica e idrogeno solforato, dal caratteristico odore di uova marce. L’Osservatorio Vesuviano dell'INGV effettua costantemente il monitoraggio di numerosi parametri geofisici e geochimici, e in particolare della sismicità, delle deformazioni del suolo, delle emissioni di gas dal suolo e dalle fumarole, mediante reti di strumenti e misure discrete. Tutti i dati rilevati dai sistemi di monitoraggio, opportunamente analizzati, controllati e interpretati dai ricercatori e tecnologi dell'istituto, sono riportati settimanalmente e mensilmente sul sito web della sezione.

Link: Piano Nazionale di Emergenza dei Campi Flegrei - Dipartimento della Protezione Civile: http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_dossier.wp?contentId=DOS50555

Bollettini di monitoraggio vulcanico INGV Osservatorio Vesuviano: http://www.ov.ingv.it/ov/it/bollettini.html

ns13 finto inferno toto fotogramma campi flegrei mappa reti

Newsletter n.13

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

Fermiamo il riscaldamento climatico e l’arretramento delle coste

on 21 Giugno 2017

Una vera e propria sfida. Ridurre le emissioni inquinanti è oramai l’unica strada per limitare l’aumento della temperatura globale e,...

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

Cinema e Scienza: un successo al Bif&st di Bari

on 21 Giugno 2017

INGV e CNR per la prima volta al Bari International Film Festival, una delle più importanti kermesse nazionali dedicate al...

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

Terremoto del Belìce, il «precedente» di tutti i terremoti dell’Italia post-bellica

on 21 Giugno 2017

Il prossimo 15 Gennaio ricorrerà il cinquantesimo anniversario del terremoto che nel 1968 sconvolse la Valle del Belice. Le immagini...

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

QuEST e l’analisi dei danni dopo le scosse del 26 e 30 ottobre in Italia centrale

on 21 Giugno 2017

In caso di terremoto dannoso, generalmente sopra Magnitudo 5.0, è previsto che l’INGV metta in campo le squadre per il...

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

Il "finto" inferno di Totò e la Solfatara

on 21 Giugno 2017

In omaggio al celebre comico, con una visita-spettacolo nel cratere flegreo si è fatto il punto sulla ricerca scientifica e...

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

Bufale, post-verità e la buona informazione: il lavoro dell’INGV nella comunicazione scientifica

on 21 Giugno 2017

È ormai una moda. Le fake news, o semplicemente bufale nel gergo giornalistico, riescono a influenzare proprio tutti. Spacciate per...

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

Un “Chiodo fisso” per il piano Chattiano

on 21 Giugno 2017

Un Chiodo d’Oro per segnalare ufficialmente la base del Global Stratotype Section and Point (GSSP) del piano Chattiano nella sezione...

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

L’INGV al Villaggio per la Terra 2017

on 21 Giugno 2017

Oltre 5000 i visitatori che hanno partecipato alle attività organizzate dall'INGV in occasione del Villaggio per la Terra 2017, che...

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

Conosciamo i sismografi storici: “Il Sismoscopio a mercurio Cacciatore”

on 21 Giugno 2017

“È un piccolo recipiente circolare lateralmente forato in otto parti indicanti i quattro punti cardinali e gli intermedii. Sito in...

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

Change Yourself And Ciak premia TerraItaliana

on 21 Giugno 2017

Con TerraItaliana, gli studenti della classe II L dell’Istituto Tecnico Industriale Statale (Itis) Galileo Galilei di Roma sono arrivati primi...

La seconda vita degli strumenti storici

La seconda vita degli strumenti storici

on 21 Giugno 2017

La rinascita di strumenti antichi, dopo un danneggiamento, oltre a essere una prescrizione dello Stato, rappresenta l’occasione per una rievocazione...

La comunicazione in emergenza

La comunicazione in emergenza

on 21 Giugno 2017

Come affrontare l’emergenza nel mare magnum delle notizie non sempre verificate sul web e sui social. Se ne è parlato...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004