Non si dà pace. Cambia continuamente forma e dimensioni. È  vero, tutti i vulcani attivi lo fanno, soprattutto nell'area sommitale in corrispondenza delle bocche eruttive, ma l’Etna, il vulcano più grande d’Europa, ne detiene sicuramente il primato. Cento anni fa aveva un unico Cratere Centrale. Oggi se ne contano almeno quattro, anzi cinque, se consideriamo l’ultimo nato di oltre 300 metri di altezza, il Nuovo Cratere di Sud-Est. Ma non finisce qui.

Anche l’ultima eruzione è “figlia” di questa successione di eventi. Dalla fine di gennaio, l’attività eruttiva intermittente ha dato vita a un altro piccolo cono piroclastico sulla sella morfologica esistente tra il vecchio e il Nuovo Cratere di Sud-Est. Mentre, dal 21 marzo in poi, dalla base del Nuovo Cratere di Sud-est ha preso piede una lenta ma costante attività effusiva, con una colata lavica dagli scenari di incredibile bellezza. La lava, finita nella Valle del Bove, si è sfrangiata in mille rivoli incandescenti, capaci anche di inglobare la neve lungo i pendii, causando, al contatto tra il fuso incandescente e la neve, trasformata in acqua e poi in vapore, vistose esplosioni idro-magmatiche. Sul versante sudoccidentale del vulcano, invece, la lava ha creato fiumi incandescenti lunghi fino a tre chilometri, trasformandosi in meta continua di turisti e appassionati, soprattutto nelle ore notturne. Uno spettacolo unico, ma anche l’occasione per studiare questi fenomeni e provare a comprenderli, applicando nuovi strumenti per il monitoraggio dei flussi lavici messi a punto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Come la tecnologia LiDAR (Light Detection And Ranging), un sistema di telerilevamento "attivo" per l’esecuzione di rilievi topografici ad alta risoluzione tramite mezzo aereo, realizzata dai ricercatori INGV, per misurare l’entità dei cambiamenti morfologici che dal 2007 al 2010 hanno interessato l’Etna. La nuova topografia del 2010 rappresenta, infatti, un punto di partenza per il calcolo dei successivi mutamenti morfo-strutturali del vulcano. Mutamenti importanti, come quelli accaduti dal gennaio 2011 in poi, che hanno dato vita a una lunga serie di eventi eruttivi sommitali e alla nascita del nuovo cono del Cratere di Sud-Est, alto 300 m e cresciuto più velocemente di qualsiasi altro vulcano nella storia documentata.

A svelare i tanti volti dell’Etna, due vulcanologi dell’Osservatorio Etneo, Boris Behncke e Marco Neri :

In questo numero si parlerà dell’ultima fase eruttiva dell’Etna, dei sistemi radar in grado di rilevarne l’attività esplosiva, del nuovo software per studiare i dicchi vulcanici, e, non ultimo, di Sant’Aituzza e degli altri santi protettori. Ma anche dell’esperienza di giornalismo scientifico dei ragazzi del Liceo Scientifico “Cannizzaro”, di Macedonio Melloni che torna al suo Reale Osservatorio Vesuviano, della mostra a Faenza su “Terremoti, passato presente futuro… più sicuro”, del progetto SAVEMEDCOASTS in difesa delle zone costiere del Mediterraneo, e del grande successo di pubblico alla Festa dei Musei della Natura. E, per finire, dell’incontro dell’INGV e BGS con il Principe Carlo d’Inghilterra ad Amatrice.

La redazione augura a tutti Buona Pasqua

Newsletter n.12

I volti dell’Etna

I volti dell’Etna

on 13 Aprile 2017

Non si dà pace. Cambia continuamente forma e dimensioni. È  vero, tutti i vulcani attivi lo fanno, soprattutto nell'area sommitale...

Le nubi eruttive dell’Etna

Le nubi eruttive dell’Etna

on 13 Aprile 2017

Sistemi radar installati a 2700 m di quota presso La Montagnola in grado di rilevare l’attività esplosiva dell’Etna, anche in...

L’Etna, Sant’Aituzza e gli altri santi protettori

L’Etna, Sant’Aituzza e gli altri santi protettori

on 13 Aprile 2017

  Fra le numerose e frequentissime eruzioni dell’Etna, quelle che destano preoccupazioni sono quelle che si scatenano lungo i fianchi...

“FIERCE”, un nuovo software per studiare i dicchi

“FIERCE”, un nuovo software per studiare i dicchi

on 13 Aprile 2017

Non sono sempre eruzioni da crateri sommitali, come gli eventi eruttivi dell’Etna in questi giorni. Quando il magma abbandona il...

L'Etna tra neve e lava

L'Etna tra neve e lava

on 13 Aprile 2017

Un’altra fase eruttiva dell'Etna è iniziata la mattina del 15 marzo con un nuovo episodio al Cratere di Sud-Est. L'attività...

Una settimana da giornalisti scientifici

Una settimana da giornalisti scientifici

on 13 Aprile 2017

Interviste video a esperti INGV, stesura di articoli, comunicati e note stampa. Sono solo alcune delle attività svolte dagli studenti...

Una mostra per difendersi dai terremoti

Una mostra per difendersi dai terremoti

on 13 Aprile 2017

Al Palazzo Esposizioni, a Faenza, “Terremoti, passato presente futuro… più sicuro” Realizzata una mostra interamente dedicata ai terremoti, rischio sismico...

INGV e BGS incontrano il Principe Carlo d’Inghilterra

INGV e BGS incontrano il Principe Carlo d’Inghilterra

on 13 Aprile 2017

Un sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Lauro Chiaraluce, e una sismologa del British Geological Survey (BGS), Margarita...

Macedonio Melloni torna tra le lave del Vesuvio

Macedonio Melloni torna tra le lave del Vesuvio

on 13 Aprile 2017

Le spoglie del grande fisico, primo direttore del Reale Osservatorio Vesuviano, troveranno presto una dignitosa sepoltura nel giardino della più...

SAVEMEDCOASTS prepara a proteggere le coste del Mediterraneo

SAVEMEDCOASTS prepara a proteggere le coste del Mediterraneo

on 13 Aprile 2017

Prosegue il confronto tra gli stakeholder protagonisti del progetto europeo SAVEMEDCOASTS. L’INGV, da sempre in prima linea, ha organizzato uno...

L’INGV protagonista alla Festa dei Musei della Natura

L’INGV protagonista alla Festa dei Musei della Natura

on 13 Aprile 2017

Oltre 3000 i visitatori che hanno preso parte alle attività organizzate in occasione della Festa dei Musei della Natura, allestita...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
5
6
7
9
12
13
14
15
16
19
20
29
Data : Sabato 29 Aprile 2017
30
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004