ns11 recensione marsicaLa paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul nostro territorio sembrano decadere nel tempo, con la diminuzione degli eventi sismici. Al contrario le tante esperienze maturate dimostrano, che gli effetti delle ricostruzioni, spesso non adeguati, sono persistenti. Proprio queste, anche più dei terremoti in sé, dovrebbero portare i cittadini a riflettere sulla necessità di prevenzione. Il volume Marsica 1915-L’Aquila 2009. Un secolo di ricostruzioni, edito da Gangemi, viene pubblicato mentre sono in corso le ricostruzioni successive ai sismi del Molise (2002), dell’Aquila (2009), dell’Emilia (2012) ed è stata avviata quella nell’area di Amatrice-Norcia. Una concomitanza di interventi edilizi “pesanti” cui l’odierna società italiana non era più abituata, considerando che dopo i terremoti del Belice (1968), del Friuli (1976) e dell’Irpinia (1980), la sismicità nel territorio nazionale si è diradata, tanto da attendere diciassette anni, il 1997, per registrare nuovi sismi con danni distribuiti su ampi territori. Il ridotto numero di forti terremoti nell’intervallo temporale 1980-1997 ha portato ad una conseguente riduzione della consapevolezza di vivere in un territorio sismico.

Questa consapevolezza, tuttavia, dovrebbe essere alimentata dall’osservazione critica degli effetti dei terremoti passati in relazione alle ricostruzioni. Ciò anche in considerazione della persistenza, in termini di delocalizzazioni degli abitati (talora alimentate da presunte criticità geologiche), abbandoni e necrosi, riedificazioni sommarie e prive di relazione con l’identità dei territori, sostituzione dell’edilizia storica nel quadro di una visione distorta del progresso. In sostanza, spesso, le ricostruzioni intensive recano danni ai paesaggi edificati e naturali talvolta peggiori di quelli delle distruzioni sismiche, con conseguenze indelebili per le società che le “subiscono”. Questi aspetti emergono chiaramente dalle analisi condotte da esperti di vari settori disciplinari - storici, architetti, sismologi, geologi, archeologi, economisti ecc. - che discutono attraverso ventidue distinti contributi un’ampia casistica storica attinente ai problemi delle ricostruzioni che hanno interessato una parte dell’Italia “sismica” nel corso degli ultimi cento anni. Il volume, a cura di Fabrizio Galadini, Dirigente di Ricerca dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia INGV e Claudio Varagnoli, Professore ordinario di Restauro all’Università di Chieti-Pescara, riunisce gli atti di un convegno – Ricostruzioni: Marsica 1915, L’Aquila 2009 – volto a incentivare il confronto tra studiosi sul grado di conoscenza storica dei processi che hanno trasformato i paesaggi, in prevalenza dell’Abruzzo, a seguito dei grandi terremoti, e stimolare il dibattito su un argomento così complesso.

Questa manifestazione del 2015 rientra nel quadro delle numerose attività organizzate da varie istituzioni pubbliche per il centenario del grande terremoto di Avezzano del 1915. L’adiacenza geografica tra il territorio della Marsica e L’Aquila (colpita dal terremoto del 2009), aveva consentito di legare in un percorso ideale un secolo di distruzioni e ricostruzioni, e tentare di farne emergere aspetti salienti. Lo scopo prioritario di questa operazione – di cui la pubblicazione in oggetto costituisce l’atto finale – è di natura didattica, legato al tentativo di rappresentare le grandi difficoltà legate alle ricostruzioni “pesanti” e mostrare ragioni più che convincenti al fine di evitarle, mediante la capillare declinazione delle possibili e percorribili pratiche per la mitigazione del rischio.

Newsletter n.11

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

on 10 Febbraio 2017

In poche riescono a occupare ruoli manageriali. Nonostante i passi in avanti verso la parità di genere, le donne sono...

TREASURE: un progetto al femminile

TREASURE: un progetto al femminile

on 10 Febbraio 2017

Lavorano nel mondo della ricerca, hanno il massimo grado di istruzione ma solo un quinto raggiunge livelli apicali di carriera....

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

on 10 Febbraio 2017

Un approccio sistemico allo studio della fase preparatoria di un forte sisma. Le anomalie magnetiche e ionosferiche raccolte dai satelliti...

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

on 10 Febbraio 2017

Arrivano così alla spicciolata. Si conoscono tutti tra loro, si abbracciano, si baciano, ridono, scherzano. Sono di tutte le età,...

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

on 10 Febbraio 2017

Correlare misure di abbassamento del suolo in ambiente urbano, rilevate attraverso tecniche di telerilevamento, con variazioni dei terreni interessati dal...

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

on 10 Febbraio 2017

Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio...

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

on 10 Febbraio 2017

Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame...

Conosciamo i sismografi storici:  il tromometrografo Omori-Alfani

Conosciamo i sismografi storici: il tromometrografo Omori-Alfani

on 10 Febbraio 2017

Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre...

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

on 10 Febbraio 2017

Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo...

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

on 10 Febbraio 2017

Conferenze, escursioni didattiche e dibattiti scientifici al Workshop 25 years advancing volcano seismology in a wider volcanological context, dell’European Seismological...

Il Map Journal dei terremoti del 2016

Il Map Journal dei terremoti del 2016

on 10 Febbraio 2017

Sono oltre 50mila i terremoti registrati nel 2016 dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)....

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

on 10 Febbraio 2017

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, tra i protagonisti della grande festa di divulgazione scientifica di Città della Scienza di Napoli, nata per...

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

on 10 Febbraio 2017

Come si gestisce al meglio un’emergenza sismica? È possibile migliorare la capacità di risposta logistico-operativa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia...

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

on 06 Febbraio 2017

La paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004