Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo EMSO ERIC, presentato in questi giorni a Roma, presso l’Associazione Stampa Estera in Italia.

Con otto paesi fondatori, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Romania, Regno Unito e Spagna, EMSO (http://www.emso-eu.org) è un’infrastruttura di ricerca europea su scala continentale nel campo delle scienze ambientali marine. È composta da sistemi automatici sottomarini per l'osservazione di fenomeni naturali a grandi profondità, che forniscono grandi flussi di misure al fine di studiare e comprendere la complessità dei cambiamenti climatici, di aiutare a difendere gli ecosistemi marini dalla progressiva degradazione e di contribuire a mitigare i rischi naturali. “EMSO ha al suo attivo 11 osservatori marini in oceano profondo e 4 siti per test in acque basse” spiega Laura Beranzoli, Dirigente Tecnologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) “per il monitoraggio a lungo termine, anche in tempo reale, di processi ambientali che riguardano la geosfera, la biosfera e l’idrosfera e le loro interazioni. Gli osservatori sono posizionati in siti di grande interesse scientifico dall’Artico all’Atlantico al Mediterraneo fino al Mar Nero, e formano una infrastruttura europea su vasta scala al servizio della comunità scientifica internazionale”. “EMSO”, prosegue Beranzoli, “offre la possibilità di effettuare misure e osservazioni scientifiche dall'Artide alle aree subtropicali in modo continuo e ad alta risoluzione, con una grande varietà di strumenti di misura ed è anche in grado di ospitare esperimenti proposti da ricercatori e industrie. L'infrastruttura si pone a servizio di un ampio spettro di discipline ma il suo vero punto di forza è la capacità di promuovere, grazie alla presenza nei suoi osservatori di una grande varietà di strumenti di misura, un approccio realmente multi- e interdisciplinare includendo la biologia, la geofisica, la bio-geo-chimica, l'ingegneria marina e le scienze informatiche. EMSO è coordinata da un consorzio che intende così promuovere attivamente la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino, sotto l’egida della Commissione Europea”.

Grazie a questa infrastruttura sarà possibile per i ricercatori raccogliere dati di qualità e monitorare nell’arco degli anni sia fenomeni a lenta evoluzione sia eventi a rapida evoluzione come le eruzioni vulcaniche e la sismicità con origine in aree sottomarine, le correnti oceaniche, gli tsunami, le instabilità di versanti sottomarini e l’impatto biologico, chimico e fisico di violenti eventi climatici. “EMSO”, spiega Robert–Jan Smits, Direttore Generale della DG Ricerca e Innovazione della Commissione Europa, “incoraggia le diverse comunità scientifiche a lavorare insieme: la complessità delle sfide sociali, infatti, richiede un approccio fortemente multidisciplinare. Ciò risulta cruciale nelle Scienze Ambientali e nelle Scienze della Terra, che si caratterizzano per processi ed ecosistemi tra loro interconnessi”. Anni di collaborazioni nel settore degli osservatori sottomarini hanno creato un network di enti di ricerca che partecipano a numerosi programmi internazionali e che hanno l'obiettivo di coordinare, con una visione unificata, infrastrutture analoghe a EMSO per costituire una rete globale: i principali player extra-europei sono Giappone, Stati Uniti, Canada, Australia a cui si sono aggiunti recentemente Cina, Taiwan e Corea del Sud.

Il monitoraggio continuo e globale degli oceani è una sfida di grande importanza e di difficoltà paragonabile all'esplorazione dello spazio: elementi cruciali sono lo studio accurato e l'ottimizzazione dei dispositivi utilizzati per rendere ogni singolo osservatorio utile a molteplici obiettivi scientifici, la garanzia di una lunga autonomia energetica, la scelta di materiali che assicurino resistenza alla corrosione. L’evento ha visto, inoltre, la partecipazione di Fulvio Esposito del MIUR e di Carlo Doglioni, Presidente dell’INGV, ente capofila per l’Italia, che ha ricordato come “in un momento in cui l’ideale dell’Europa Unita sembra essere messo in dubbio, sia necessaria e irrinunciabile una dimensione europea per qualsiasi collaborazione di successo in campo scientifico”. Il Presidente dell’INGV ha anche evidenziato l’importanza di una infrastruttura di osservazione marina perché “l’ambiente oceanico vive gli stessi fenomeni che ci colpiscono drammaticamente di volta in volta, come disastrosi terremoti ed eruzioni vulcaniche, ed è il luogo di generazione di tsunami”; riferendosi alla recente cronaca, ha inoltre spiegato come “Gli eventi climatici estremi, come quelli che hanno recentemente colpito l’Italia e che ci aspettiamo che accadano sempre più spesso, sono parte integrante dei cambiamenti climatici globali, nei quali l’oceano ha un ruolo-chiave di regolazione”.

ns11 emso

Clicca sulla foto per accedere al video su Youtube

Newsletter n.11

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

on 10 Febbraio 2017

In poche riescono a occupare ruoli manageriali. Nonostante i passi in avanti verso la parità di genere, le donne sono...

TREASURE: un progetto al femminile

TREASURE: un progetto al femminile

on 10 Febbraio 2017

Lavorano nel mondo della ricerca, hanno il massimo grado di istruzione ma solo un quinto raggiunge livelli apicali di carriera....

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

on 10 Febbraio 2017

Un approccio sistemico allo studio della fase preparatoria di un forte sisma. Le anomalie magnetiche e ionosferiche raccolte dai satelliti...

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

on 10 Febbraio 2017

Arrivano così alla spicciolata. Si conoscono tutti tra loro, si abbracciano, si baciano, ridono, scherzano. Sono di tutte le età,...

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

on 10 Febbraio 2017

Correlare misure di abbassamento del suolo in ambiente urbano, rilevate attraverso tecniche di telerilevamento, con variazioni dei terreni interessati dal...

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

on 10 Febbraio 2017

Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio...

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

on 10 Febbraio 2017

Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame...

Conosciamo i sismografi storici:  il tromometrografo Omori-Alfani

Conosciamo i sismografi storici: il tromometrografo Omori-Alfani

on 10 Febbraio 2017

Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre...

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

on 10 Febbraio 2017

Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo...

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

on 10 Febbraio 2017

Conferenze, escursioni didattiche e dibattiti scientifici al Workshop 25 years advancing volcano seismology in a wider volcanological context, dell’European Seismological...

Il Map Journal dei terremoti del 2016

Il Map Journal dei terremoti del 2016

on 10 Febbraio 2017

Sono oltre 50mila i terremoti registrati nel 2016 dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)....

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

on 10 Febbraio 2017

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, tra i protagonisti della grande festa di divulgazione scientifica di Città della Scienza di Napoli, nata per...

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

on 10 Febbraio 2017

Come si gestisce al meglio un’emergenza sismica? È possibile migliorare la capacità di risposta logistico-operativa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia...

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

on 06 Febbraio 2017

La paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
6
7
8
9
27
28
29
30
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004