Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre più sensibili, Guido Alfani riuscì a registrare terremoti anche molto lontani, ancor prima che giungessero notizie dirette dalle zone colpite. Intorno al 1910, ideò e fece realizzare un tromometrografo

ns11 alfani1La mattina del 13 gennaio, l'assistente dell'osservatorio, incaricato della prima visita a tutti gli apparecchi, venne a chiamarmi verso le ore 8, dicendomi che le macchine sismiche avevano segnalato una vera catastrofe. Scesi immediatamente nel Gabinetto Sotterraneo dove sono i microsismografi [...] Le macchine più delicate e sensibili destinate a registrare le ondulazioni e i movimenti del suolo, per la violenza degli urti ricevuti, erano state naturalmente messe fuori di servizio […] La terra nostra, ancora pulsava e vibrava; e le macchine coi loro tracciati irregolari e nervosi, lo dimostravano chiaramente. Con queste parole Guido Alfani (1876 - 1940), direttore dell’Osservatorio Ximeniano di Firenze, la mattina del 13 gennaio 1915 iniziò la sua cronaca sulla registrazione del terremoto della Marsica. Alfani, oltre a dirigere l'Osservatorio sismologico fiorentino - uno dei più prestigiosi fra il 1875 e la fine degli anni Trenta del '900 - fu uno dei più importanti sismologi italiani dei primi decenni del Novecento (Fig.1).

ns11 alfani2Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre più sensibili, dal suo laboratorio riuscì a registrare terremoti anche molto lontani dei quali dava tempestiva notizia sui giornali, ancor prima che giungessero notizie dirette dalle zone colpite. Intorno al 1910, nell'intento di raggiungere sempre maggiore precisione e sensibilità nella registrazione dei segnali sismici, ideò e fece realizzare un tromometrografo. Basato sul pendolo orizzontale, introdotto dal sismologo giapponese Fusakichi Omori (1868 - 1923), uno dei padri della sismologia giapponese, e modificato in parte da Alfani, nasceva così il Tromometrografo Omori-Alfani, lo strumento che, tra i più sensibili, segnalarono la catastrofe della Marsica. “Sono tanto sensibili che basta la presenza dell’osservatore davanti alla macchina perché essa accenni ad una inflessione del suolo dovuta al peso della persona. E qui a Firenze esse sentono benissimo il mare agitato non solo di Livorno, ma anche di Genova e Venezia” scriveva Alfani in una rivista mensile del Corriere della Sera del 1910. Di semplice costruzione, l’apparecchio è costituito da una pesante colonna di ghisa a cui è sospeso un pendolo orizzontale costituito da un’asta che sostiene una massa cilindrica di 300 kg (Fig.2). L’estremità dell’asta in direzione della colonna termina con una punta che consente la rotazione dell’asta con minimo attrito (Fig.3). La parte opposta dell’asta comunica infine il proprio moto al pennino scrivente, attraverso un delicato sistema di leve.

ns11 alfani5Nella sua configurazione operativa lo strumento si presenta a coppie e scrive due componenti orizzontali del moto sismico fra loro ortogonali (in genere Nord-Sud ed Est-Ovest) su un unico tamburo ruotante munito di carta affumicata. Variando semplicemente la lunghezza dell’asta inclinata che sostiene il sistema oscillante, si può variare il periodo proprio di oscillazione dello strumento. Alfani utilizzò lo strumento senza alcun sistema di smorzamento al fine di confrontarlo con altri strumenti di registrazione (Fig.4). Solo successivamente alla sua cessione all’Osservatorio Schiavazzi di Livorno, lo strumento fu dotato di un sistema di smorzamento a olio minerale (Fig.5). Altri esemplari dell’apparecchio funzionarono in altri osservatori della prestigiosa rete sismica italiana del tempo: Domodossola, Prato, Benevento, Pompei e Mileto. Quelli conservati presso l’Osservatorio Schiavazzi del Comune di Livorno sono però gli unici esemplari sopravvissuti.

ns11 alfani7ns11 alfani6Nel 2012, In previsione dell’esposizione a Firenze e successiva musealizzazione, l’Omori-Alfani è stato portato da Livorno all’INGV di Roma dove, con le autorizzazioni della competente Soprintendenza, è stato accuratamente restaurato dai tecnici del Laboratorio di restauro della strumentazione storica di Sismos (http://seismogramrequest.rm.ingv.it). Il restauro, di tipo essenzialmente e rigorosamente conservativo, ha interessato tutte le parti metalliche e la base di marmo di sostegno dell’apparato di registrazione. Si è trattato di importanti interventi di disossidazione (Fig.6) e successivi trattamenti protettivi, mentre la riverniciatura e ri-nichelatura ha interessato solo parti in cui i trattamenti originali erano irrimediabilmente compromessi. Dopo il restauro, lo strumento è stato esposto a Firenze in occasione della mostra “Dal cielo alla terra. Meteorologia e sismologia dall’Ottocento a oggi (http://www.dalcieloallaterra.it)”, e l’anno dopo a Torino alla Mostra “Osservati, osservanti, osservatori: 250 anni di sismologia strumentale in Italia” (http://www.250anni-sismometria-italiana.it). Attualmente è possibile ammirarlo al Museo di Storia Naturale di Milano in occasione della mostra “TERREMOTI”( http://www.assodidatticamuseale.it/ADM/ItemsByCategory.aspx?SlaveCategoryID=138). E ancora lungo sarà il suo cammino. Progettato nei sotterranei di una delle più antiche sedi di osservazione scientifica dei terremoti e illuminato dai riflettori delle più belle sale espositive, il Tromometrografo Omori-Alfani continuerà a farsi ammirare dagli appassionati di tutto il mondo.

I suoi antichi tracciati, digitalizzati dal Laboratorio di scansione digitale ad alta risoluzione di Sismos, sono disponibili on line all’indirizzo http://seismogramrequest.rm.ingv.it

ns11 alfani3

ns11 alfani4

Newsletter n.11

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

on 10 Febbraio 2017

In poche riescono a occupare ruoli manageriali. Nonostante i passi in avanti verso la parità di genere, le donne sono...

TREASURE: un progetto al femminile

TREASURE: un progetto al femminile

on 10 Febbraio 2017

Lavorano nel mondo della ricerca, hanno il massimo grado di istruzione ma solo un quinto raggiunge livelli apicali di carriera....

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

on 10 Febbraio 2017

Un approccio sistemico allo studio della fase preparatoria di un forte sisma. Le anomalie magnetiche e ionosferiche raccolte dai satelliti...

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

on 10 Febbraio 2017

Arrivano così alla spicciolata. Si conoscono tutti tra loro, si abbracciano, si baciano, ridono, scherzano. Sono di tutte le età,...

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

on 10 Febbraio 2017

Correlare misure di abbassamento del suolo in ambiente urbano, rilevate attraverso tecniche di telerilevamento, con variazioni dei terreni interessati dal...

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

on 10 Febbraio 2017

Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio...

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

on 10 Febbraio 2017

Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame...

Conosciamo i sismografi storici:  il tromometrografo Omori-Alfani

Conosciamo i sismografi storici: il tromometrografo Omori-Alfani

on 10 Febbraio 2017

Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre...

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

on 10 Febbraio 2017

Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo...

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

on 10 Febbraio 2017

Conferenze, escursioni didattiche e dibattiti scientifici al Workshop 25 years advancing volcano seismology in a wider volcanological context, dell’European Seismological...

Il Map Journal dei terremoti del 2016

Il Map Journal dei terremoti del 2016

on 10 Febbraio 2017

Sono oltre 50mila i terremoti registrati nel 2016 dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)....

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

on 10 Febbraio 2017

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, tra i protagonisti della grande festa di divulgazione scientifica di Città della Scienza di Napoli, nata per...

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

on 10 Febbraio 2017

Come si gestisce al meglio un’emergenza sismica? È possibile migliorare la capacità di risposta logistico-operativa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia...

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

on 06 Febbraio 2017

La paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
4
6
7
10
Data : Mercoledì 10 Maggio 2017
12
Data : Venerdì 12 Maggio 2017
13
Data : Sabato 13 Maggio 2017
14
Data : Domenica 14 Maggio 2017
17
Data : Mercoledì 17 Maggio 2017
18
Data : Giovedì 18 Maggio 2017
19
Data : Venerdì 19 Maggio 2017
20
21
31
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004