ns11 santoronzo 1Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio alla base del ritratto di Sant'Oronzo, il santo patrono della città, si parla di un terremoto. È il 20 febbraio 1743. Una, anzi tre scosse in successione fanno tremare il Salento. Crollano palazzi e chiese, anche Lecce viene colpita, fortunatamente senza alcuna vittima, e il popolo, riconoscente, dedica questo dipinto al proprio protettore. 

Di questo terremoto e dei suoi effetti sul territorio ne trattano diversi lavori scientifici di cui il più recente dal titolo The enviromental effects of the 1743 Salento earthquake (Apulia, Southern Italy): a contribution to seismic hazard assessment of the Salento peninsula (1), pubblicato su Natural Hazard da un team di ricercatori dell’Osservatorio Vesuviano - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (OV-INGV) e dell'Istituto per l'Ambiente marino costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR). 

Si tratta di un terremoto complesso, quello del 20 febbraio 1743, con tre scosse avvertite in quasi tutto il Mediterraneo, fino all’isola di Malta. Oltre ai forti terremoti del Gargano e dell'Appennino Meridionale, nel Salento vengono avvertiti anche i forti eventi sismici della vicina penisola balcanica. Tuttavia, anche la penisola salentina è sede di terremoti di bassa o media energia. 

"Questo è l’unico terremoto che ha pesantemente colpito il Salento in età storica”, sottolinea Rosa Nappi, ricercatrice OV-INGV. “I danni in Italia si sono concentrati soprattutto a Nardò, dove ci sono state anche 150 vittime, e a Francavilla Fontana, raggiungendo un grado d'intensità rispettivamente di X e IX della scala macrosismica Mercalli-Cancani-Sieberg (MCS). Forti danneggiamenti ci sono stati anche in Grecia, in Albania e nelle isole Ionie. Nonostante i notevoli danni in tutto il Salento, la mappa di pericolosità sismica di riferimento per il territorio nazionale (2) attribuisce bassi valori di pericolosità a quest'area". 

In questo lavoro sono stati raccolti e confrontati dati storici e geologici sull'evento, rivalutando gli effetti sulle costruzioni, sulla base della scala MCS. “Il contributo innovativo dello studio è stato inoltre la valutazione degli effetti ambientali causati da questo forte terremoto, consistenti in depositi da tsunami, blocchi (boulders) di grosse dimensioni già individuati da altri ricercatori sulle coste pugliesi, fratture, frane, liquefazioni e variazioni idrologiche riscontrate in Albania, Grecia e Malta”, aggiunge Sabina Porfido, ricercatrice CNR IAMC. 

Infatti, un terremoto non provoca danni solo agli edifici o alle infrastrutture create dall’uomo, ma determina effetti profondi e talvolta devastanti anche sull’ambiente naturale. Faglie, fratture, abbassamenti e innalzamenti del suolo, frane, variazioni idrologiche, tsunami, sono effetti che possono essere valutati mediante una nuova scala di Intensità denominata ESI2007 (Environmental Seismic Intensity) che rende possibile la classificazione dei terremoti anche in aree deserte o scarsamente abitate. “Molti effetti ambientali conseguenti al terremoto del 1743 sono stati descritti in documenti d'epoca, come atti notarili e parrocchiali, e in molte cronache storiche”, afferma Giuliana Alessio, ricercatrice OV-INGV. “Anche le lapidi e le epigrafi hanno costituito un prezioso strumento di indagine. Il risultato finale è stato l'elaborazione di un nuovo scenario di danno che contempla una localizzazione nel canale d’Otranto con intensità epicentrale pari all'XI”. 

La scala ESI 2007 ha reso possibile valutazioni di intensità obiettive, comparabili a scala globale, in quanto gli effetti sull’ambiente sono indipendenti dai fattori culturali ed economici introdotti dall'uomo. "Ciò risulta di fondamentale importanza per la valutazione dell’hazard sismico e per la pianificazione territoriale anche in quelle aree caratterizzate da bassa-media sismicità, ma che hanno risentito o potrebbero risentire forti terremoti con effetti ambientali distruttivi, come ad esempio gli tsunami che, nel caso della penisola salentina, colpirebbero uno dei luoghi turistici più affollati durante il periodo estivo", conclude Germana Gaudiosi, dell'OV-INGV.

Testo e traduzione del cartiglio del quadro di S. Oronzo in Santa Croce a Lecce

1743. Foi s[antu] Ronzu ci ni leberau / de lu gra terramotu, ci faciu / a binti de frebaru, tremulau, / la cetate nu piezzu, e no cadiu. / Iddu, iddu de celu la guardau, / e nuddu de la gente nde patiu / è rande santu!, ma de li santuni / face razie, e meraculi a migliuni //

1743. Fu sant’Oronzo che ci liberò / dal grande terremoto che avvenne / il 20 febbraio, tremò / la città per un pezzo e non crollò. / Egli, egli dal cielo la guardò / e nessuno del popolo patì. / E’ un grande santo, anzi, dei santoni [dei santi importanti], / fa grazie e miracoli a milioni.

1: R. Nappi, G. Gaudiosi, G. Alessio, M. De Lucia, S. Porfido. 2016. The environmental effects of the 1743 Salento earthquake (Apulia, southern Italy): a contribution to seismic hazard assessment of the Salento Peninsula. Nat Hazards. DOI 10.1007/s11069-016-2548-x

http://link.springer.com/article/10.1007/s11069-016-2548-x

2: http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html

Newsletter n.11

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

on 10 Febbraio 2017

In poche riescono a occupare ruoli manageriali. Nonostante i passi in avanti verso la parità di genere, le donne sono...

TREASURE: un progetto al femminile

TREASURE: un progetto al femminile

on 10 Febbraio 2017

Lavorano nel mondo della ricerca, hanno il massimo grado di istruzione ma solo un quinto raggiunge livelli apicali di carriera....

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

on 10 Febbraio 2017

Un approccio sistemico allo studio della fase preparatoria di un forte sisma. Le anomalie magnetiche e ionosferiche raccolte dai satelliti...

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

on 10 Febbraio 2017

Arrivano così alla spicciolata. Si conoscono tutti tra loro, si abbracciano, si baciano, ridono, scherzano. Sono di tutte le età,...

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

on 10 Febbraio 2017

Correlare misure di abbassamento del suolo in ambiente urbano, rilevate attraverso tecniche di telerilevamento, con variazioni dei terreni interessati dal...

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

on 10 Febbraio 2017

Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio...

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

on 10 Febbraio 2017

Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame...

Conosciamo i sismografi storici:  il tromometrografo Omori-Alfani

Conosciamo i sismografi storici: il tromometrografo Omori-Alfani

on 10 Febbraio 2017

Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre...

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

on 10 Febbraio 2017

Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo...

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

on 10 Febbraio 2017

Conferenze, escursioni didattiche e dibattiti scientifici al Workshop 25 years advancing volcano seismology in a wider volcanological context, dell’European Seismological...

Il Map Journal dei terremoti del 2016

Il Map Journal dei terremoti del 2016

on 10 Febbraio 2017

Sono oltre 50mila i terremoti registrati nel 2016 dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)....

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

on 10 Febbraio 2017

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, tra i protagonisti della grande festa di divulgazione scientifica di Città della Scienza di Napoli, nata per...

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

on 10 Febbraio 2017

Come si gestisce al meglio un’emergenza sismica? È possibile migliorare la capacità di risposta logistico-operativa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia...

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

on 06 Febbraio 2017

La paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
4
6
7
10
Data : Mercoledì 10 Maggio 2017
12
Data : Venerdì 12 Maggio 2017
13
Data : Sabato 13 Maggio 2017
14
Data : Domenica 14 Maggio 2017
17
Data : Mercoledì 17 Maggio 2017
18
Data : Giovedì 18 Maggio 2017
19
Data : Venerdì 19 Maggio 2017
20
21
31
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004