ns11 knowrisk 1Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame sismico che ha interessato l’Italia centrale nel 2016. Non di meno, il danno agli elementi non strutturali degli edifici, come arredi, controsoffittature, pareti divisorie, tamponature, balconi, pannelli e impianti, è una fonte significativa e sottovalutata di vittime e di perdite economiche (Figura 1). Le misure per la prevenzione sono tuttavia a basso costo e le soluzioni facilmente applicabili da parte di ciascuno di noi. Con questa premessa l’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Sezione di Catania, ha ospitato i lavori del secondo convegno del progetto europeo KnowRISK (Know your city, Reduce selSmic risK through non-structural elements). Iniziato nel gennaio 2016, KnowRISK (https://knowriskproject.com/) ha una durata di due anni e si propone di mettere a punto strategie di prevenzione dei danni non strutturali prodotti da terremoti in aree pilota di tre paesi europei: Portogallo, Islanda e Italia (Figura 2). I partner del progetto provengono da importanti istituzioni nel campo dell’ingegneria, della sismologia, dell’architettura e sociologia con sede in Portogallo (Istituto Técnico Lisboa e Laboratório Nacional de Engenharia Civil), Islanda (Earthquake Engineering Research Centre University of Iceland) e Italia (INGV).ns11 knowrisk 2

Laddove gli edifici hanno maggiore possibilità di resistere alle scosse, sono gli elementi non strutturali a provocare feriti e morti, ostruire le vie di fuga e incidere pesantemente sul ritorno alla vita normale della popolazione. L'area interessata da questi effetti è solitamente molto più estesa di quella dove avvengono i collassi e l'agibilità degli edifici è seriamente compromessa. Conoscere quali sono gli elementi non strutturali di un edificio che potrebbero essere soggetti a danneggiamento, consente di essere preparati a futuri terremoti anche non distruttivi.

Il progetto KnowRISK ha una forte ricaduta sul territorio perché, oltre ad applicare moderne tecniche d’indagine scientifica per lo studio dei terremoti, fornisce strumenti informativi per la riduzione del danno non strutturale. I 40 partecipanti al convegno hanno discusso non soltanto gli aspetti ingegneristici e sismologici che caratterizzano le tre aree pilota, ma hanno anche dedicato un ampio e articolato dibattito alle strategie utili per una efficace comunicazione. Gli ostacoli che bloccano l'attuazione di misure preventive, anche quando queste sono a basso costo, da parte delle comunità locali hanno, infatti, richiamato l'attenzione degli esperti.ns11 knowrisk 3

Il convegno è stato finanziato dalla Protezione Civile della Comunità Europea e ha ricevuto il patrocinio della città di Noto (oggi parte dell’Unesco Heritage list), dove si è svolta la giornata conclusiva del convegno (Figura 3). L’antico insediamento di Noto fu completamente distrutto l’11 gennaio 1693 da un devastante terremoto di M 7.3, che causò 60000 vittime. La città è infatti ubicata nella Val di Noto, uno dei siti a più alto rischio sismico in Italia. Gli abstracts dei lavori presentati al convegno KnowRISK sono stati raccolti e pubblicati sul volume 33 della MISCELLANEA INGV, e sono liberamente consultabili (http://istituto.ingv.it/l-ingv/produzione-scientifica/miscellanea-ingv/).

 

 

Newsletter n.11

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

Donne e Scienza, la lunga strada verso la parità di genere

on 10 Febbraio 2017

In poche riescono a occupare ruoli manageriali. Nonostante i passi in avanti verso la parità di genere, le donne sono...

TREASURE: un progetto al femminile

TREASURE: un progetto al femminile

on 10 Febbraio 2017

Lavorano nel mondo della ricerca, hanno il massimo grado di istruzione ma solo un quinto raggiunge livelli apicali di carriera....

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

Cercando dall’alto i precursori dei grandi terremoti

on 10 Febbraio 2017

Un approccio sistemico allo studio della fase preparatoria di un forte sisma. Le anomalie magnetiche e ionosferiche raccolte dai satelliti...

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

Psicologia dell’emergenza, un aiuto alla popolazione

on 10 Febbraio 2017

Arrivano così alla spicciolata. Si conoscono tutti tra loro, si abbracciano, si baciano, ridono, scherzano. Sono di tutte le età,...

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

Dai satelliti, una mappa del suolo della Città del Messico

on 10 Febbraio 2017

Correlare misure di abbassamento del suolo in ambiente urbano, rilevate attraverso tecniche di telerilevamento, con variazioni dei terreni interessati dal...

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

Quando Sant'Oronzo fece la grazia

on 10 Febbraio 2017

Chissà se i turisti che visitano la magnifica chiesa di Santa Croce a Lecce l’hanno mai notato. In un cartiglio...

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

Progetto KnowRISK: a Catania si discute di danni non strutturali causati dai terremoti

on 10 Febbraio 2017

Il collasso degli edifici rappresenta ancora oggi la maggiore causa di vittime dei terremoti. Lo ha tragicamente confermato lo sciame...

Conosciamo i sismografi storici:  il tromometrografo Omori-Alfani

Conosciamo i sismografi storici: il tromometrografo Omori-Alfani

on 10 Febbraio 2017

Animato da una passione scientifica fuori dal comune e dotato di una grande maestria nella progettazione di strumenti sismici sempre...

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

EMSO ERIC: sistemi di osservazione in ambiente marino profondo

on 10 Febbraio 2017

Promuovere la ricerca scientifica europea sull'ambiente marino profondo, sotto l’egida della Commissione Europea è l’obiettivo del Consorzio di Ricerca Europeo...

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

INGV: appuntamento con la vulcano-sismologia al Faro del Mediterraneo

on 10 Febbraio 2017

Conferenze, escursioni didattiche e dibattiti scientifici al Workshop 25 years advancing volcano seismology in a wider volcanological context, dell’European Seismological...

Il Map Journal dei terremoti del 2016

Il Map Journal dei terremoti del 2016

on 10 Febbraio 2017

Sono oltre 50mila i terremoti registrati nel 2016 dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)....

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

Dialogando di vulcani e terremoti a Futuro Remoto

on 10 Febbraio 2017

L’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, tra i protagonisti della grande festa di divulgazione scientifica di Città della Scienza di Napoli, nata per...

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

Un terremoto simulato per un’emergenza vera

on 10 Febbraio 2017

Come si gestisce al meglio un’emergenza sismica? È possibile migliorare la capacità di risposta logistico-operativa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia...

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

Marsica 1915 – L’Aquila 2009: un secolo di ricostruzioni

on 06 Febbraio 2017

La paura del terremoto e il contributo che questa può dare all’azione del cittadino a favore della sicurezza sismica sul...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
15
16
17
18
19
22
23
24
25
26
29
30
31
righetta grigia

ingvterremotiwp

box Gallery 232

 

Note Legali     Privacy         P.IVA 06838821004