news9 bradisismo5I Campi Flegrei, ad ovest della città di Napoli, sono un campo vulcanico caratterizzato da vulcanismo esplosivo e da collassi calderici, ultima eruzione 1538. Nell’area sono registrati sollevamenti e abbassamenti del suolo da oltre 2000 anni, fenomeno noto come bradisismo. Se ne discute dalla metà del ‘700, ancora una piccola crisi a fine agosto 2016. Ma cos’è il bradisismo? Ne parliamo con Elena Cubellis, Ricercatrice dell’Osservatorio Vesuviano – Sezione di Napoli dell’INGV.

“Il termine viene introdotto da Arturo Issel nel 1883 per indicare i fenomeni di subsidenza sia nelle aree vulcaniche come i Campi Flegrei che nelle aree alluvionali costiere. Successivamente con tale termine si è indicato il moto del suolo nell’area flegrea”, spiega Elena Cubellis. “Le crisi bradisismiche con i sollevamenti del suolo, indicano la ripresa dell’attività endogena nell’area flegrea. Questo fenomeno è stato accompagnato da attività sismica con sciami che si sviluppano quando cresce la velocità del sollevamento del suolo. In tal caso le deformazioni del suolo e la sismicità sono parametri monitorati perché rappresentano precursori di una possibile eruzione. La prima registrazione del sollevamento del suolo nel corso di un’eruzione, mediante livellazioni geometriche, risale a Luigi Palmieri (Direttore dell’Osservatorio Vesuviano, 1856-1896) che monitorò l’eruzione del Vesuvio del 1861”.

Nella storia recente numerose sono state le crisi che hanno interessato i Campi Flegrei.

“La più importante risale al 1538, quando si formò il Monte Nuovo dopo decenni di innalzamento del suolo e un biennio di terremoti”, prosegue la ricercatrice. “Ma crisi importanti si sono registrate anche negli anni ‘70 (1970-72) e ‘80 (1982-84) con innalzamento totale del suolo nell’epicentro del fenomeno (Porto di Pozzuoli) di circa 3.60 metri. Crisi di minore entità si sono verificate negli anni successivi. Recentemente, nel mese di agosto dell’anno corrente, è stato registrato uno sciame sismico superficiale (48 terremoti di bassa magnitudo, Mmax =1.7, evento del 29/8 ore 15:45), avvertito nell’area della Solfatara e del campo fumarolico di Pisciarelli ad Agnano, in seguito ad un incremento della velocità di sollevamento del suolo. Questo è in continua ascesa dal 2011 con una velocità media di 5 mm/mese”.

Gli studi vulcanologici moderni hanno consentito di definire con dettaglio la storia geologica dei Campi Flegrei e l’interesse suscitato da quest’area è testimoniato dalla sua presenza nelle più importanti opere di vulcanologia e dal richiamo di scienziati da ogni parte del mondo.news9 bradisismo2

“I Campi Flegrei sono noti per la storia vulcanica caratterizzata dal succedersi di due processi di calderizzazione prodotti da due eruzioni fortemente esplosive con emissioni di centinaia di chilometri cubici di piroclastiti (Ignimbrite Campana 39.000 anni fa e Tufo Giallo Napoletano 15.000 anni fa), dallo sviluppo di numerosi centri eruttivi distribuiti all’interno delle depressioni calderiche, dalle emissioni fumaroliche, particolarmente intense nel cratere della Solfatara e al suo bordo esterno nell’area dei Pisciarelli, dal diffuso termalismo e dai moti verticali del suolo con vistosi sollevamenti e subsidenze registrati nel corso degli ultimi 2000 anni alle colonne del Serapeo (Macellum) testimoniati dai fori prodotti dai lamellibranchi litofagi”, aggiunge ancora Elena Cubellis.

Parliamo di un laboratorio naturale di interesse internazionale nei settori della Vulcanologia e delle Scienze della Terra.

“Quest’area, unitamente al Vesuvio, ha infatti dato vita alla nascita della Vulcanologia moderna (basta ricordare l’opera di William Hamilton “Campi Flegrei”, 1776). Ancora oggi i Campi Flegrei sono un attrattore per gli studiosi dei vulcani ed un caso di studio per la ripresa dell’attività endogena (unrest) con due crisi che hanno determinato l’evacuazione di parti della città di Pozzuoli (Rione Terra circa 2000 persone nel 1970, e il centro storico della città circa 20.000 persone nel 1983), caso unico nel mondo occidentale per numero di abitanti rilocati in aree più sicure per la pericolosità del vulcano”.

Un’area quindi dove i fenomeni naturali hanno condizionato in qualche modo anche le scelte abitative e gli insediamenti della vita dell’uomo. “Tutto ciò è già di per sé straordinario limitando il giudizio alle caratteristiche dei fenomeni registrati, ma ciò che rende i Campi Flegrei un unicum è proprio l’interazione tra uomo e natura o meglio tra storia civile e storia naturale. Nei Campi Flegrei, attraverso le interpretazioni dei fenomeni registrati al Serapeo, non si studierà solo il fenomeno vulcanico ma si cercheranno anche le prove delle nuove teorie geologiche che si stavano sviluppando nel Regno Unito con l’Uniformitarismo di James Hutton (1726-1797) e di Charles Lyell (1797-1875) e quelle del “tempo profondo” che rappresenterà una rivoluzione, per il superamento del tempo mosaico, pari a quella di Copernico in Astronomia. Sulla base di queste riflessioni si può considerare il bradisismo come epitome del modello della Terra alla nascita della geologia nell’Ottocento”, conclude la ricercatrice.

Link: http://www.ov.ingv.it/ov/it/bollettini.html Bollettini di monitoraggio vulcanico dell’Osservatorio Vesuviano-INGV

 

news9 bradisismo3news9 bradisismo4

 

Studi correlati:

Cubellis E., Luongo G., Obrizzo F. (2016). Cultural climate in Naples between the birth and development of volcanology. RENDICONTI Online della Società Geologica Italiana. Volume 40, Supplemento n. 1 - Luglio 2016. “Geosciences on a changing planet: learning from the past, exploring the future” 88° Congresso della Società Geologica Italiana, Napoli 7-9 Settembre 2016. Abstract book - Edited by D. Calcaterra, S. Mazzoli, F.M. Petti, B. Carmina & A. Zuccari. p.897, doi: 10.3301/ROL.2016.79. ISSN 2035-8008

Cubellis E., F. Delizia, I. Delizia, F. Luongo, G. Luongo, F. Obrizzo (2015). La Piana Campana: un monumento geologico di 5000 km2. 5° Congresso Nazionale Geologia e Turismo, “Geologia & Turismo …a dieci anni dalla fondazione”. Bologna 6-7 giugno 2013. Atti ISPRA, D’Andrea M. & Rossi R. (a cura di), pp. 4-11. ISBN 978-88-448-0721-4. http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/atti/geologia-turismo...-a-10-anni-dalla-fondazione

Luongo G., Cubellis E., Obrizzo F. (2013). I fondatori della sismologia in Italia nella seconda metà del XIX secolo. In: Uomini e Ragioni I 150 anni della Geologia Italiana. Atti Sessione F4 Geoitalia, Torino 19-23 settembre 2011. Convener M. D’Andrea, L.M. Gallo, G.B.Vai. Atti Centro Stampa Regione Piemonte, pp.77-88

http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/atti/uomini-e-ragioni-i-150-anni-della-geologia-unitaria

Cubellis E., I. Delizia, G. Luongo, F. Obrizzo (2012). Sea level changes, ground deformations, human settlements in the bay of Naples . Note brevi e riassunti. A cura di: Salvatore Critelli, Francesco Muto, Francesco Perri, Fabio Massimo Petti, Maurizio Sonnino, Alessandro Zuccari. Rend. Online Soc. Geol. It.,21, pp. 743-745, 5 figs; ISSN 2035-8008.

Cubellis E. (2012). Vulcanologia e Sismologia: Il Giappone e Napoli. Il Giappone, XLVIII (2008), pp.165-198, A. Tamburello Ed., Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente-Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, Roma-Napoli 2012. ISSN 0390-6646 http://hdl.handle.net/2122/8565

 

Newsletter n.9

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

on 13 Ottobre 2016

L’Italia riscopre ancora una volta la sua fragilità. Il 24 agosto alle 3.36, un sisma di magnitudo 6.0 della scala...

Che percezione abbiamo del terremoto?

Che percezione abbiamo del terremoto?

on 12 Ottobre 2016

Solo 6 italiani su 100 hanno una percezione della pericolosità sismica nelle zone sismiche più pericolose del nostro. E meno...

Casa dolce casa, ma sicura

Casa dolce casa, ma sicura

on 12 Ottobre 2016

Le immagini delle case e degli edifici pubblici ad Amatrice, Accumoli e in decine di frazioni a seguito del terremoto...

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

on 12 Ottobre 2016

L’Associazione Nazionale Italiana Cantanti e l’Associazione “#IOCISONO” sono scese in campo allo Stadio Comunale "Manlio Scopigno" di Rieti il 4...

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

on 12 Ottobre 2016

Sono circa 40 le fotografie significative raccolte nell’album Terremoto in Italia centrale del 24 agosto 2016, M=6 - effetti del...

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

on 12 Ottobre 2016

Con le mappe è possibile raccontare storie, riassumere avvenimenti accaduti nel tempo, mostrarne il cambiamento. Ma può avvenire anche il...

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

on 12 Ottobre 2016

A un mese e mezzo dal terremoto che ha sconvolto il centro Italia, Io Non Rischio si prepara a tornare...

Marsili, il gigante del Mediterraneo

Marsili, il gigante del Mediterraneo

on 12 Ottobre 2016

È oramai una star indiscussa del web. Non passa giorno che non compaia qualche notizia su un suo possibile risveglio....

L'INGV parte per l'Antartide

L'INGV parte per l'Antartide

on 12 Ottobre 2016

Lo studio dell'aria intrappolata nel ghiaccio delle calotte glaciali per conoscerne la sua composizione, gli interventi di aggiornamento e manutenzione...

SEACleaner: Una sfida da condividere

SEACleaner: Una sfida da condividere

on 12 Ottobre 2016

Gli habitat marini di tutto il mondo sono contaminati da rifiuti antropici, detti anche marine litter, che vengono abbandonati in...

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

on 12 Ottobre 2016

I Campi Flegrei, ad ovest della città di Napoli, sono un campo vulcanico caratterizzato da vulcanismo esplosivo e da collassi...

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

on 12 Ottobre 2016

Numerosi gli eventi alla Casa del Cinema di Roma per la Notte Europea dei Ricercatori. L'iniziativa, promossa dalla Comunità Europea,...

Giuliana si racconta

Giuliana si racconta

on 12 Ottobre 2016

Renato Sartini, giornalista scientifico, ripercorre la storia del cetaceo attraverso il documentario “Giallo ocra – Il mistero del fossile di...

Non di soli PAPER vive il ricercatore

Non di soli PAPER vive il ricercatore

on 12 Ottobre 2016

La ricca produzione di materiale editoriale dei ricercatori INGV "Publish or perish" recita il motto inglese per ricordare che il...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
5
7
9
10
12
13
14
16
17
19
20
Data : Mercoledì 20 Febbraio 2019
21
Data : Giovedì 21 Febbraio 2019
23
Data : Sabato 23 Febbraio 2019
24
Data : Domenica 24 Febbraio 2019
26
Data : Martedì 26 Febbraio 2019
27
Data : Mercoledì 27 Febbraio 2019
28
Data : Giovedì 28 Febbraio 2019
righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia
box Gallery 232