Lo studio dell'aria intrappolata nel ghiaccio delle calotte glaciali per conoscerne la sua composizione, gli interventi di aggiornamento e manutenzione degli osservatori geomagnetici e ionosferici, lo stato delle attività dei vulcani Melbourne e Rittmann, sono i progetti della prossima campagna antartica dell' INGV, biennio 2016-2017

news9 antartide1La possibilità di studiare il clima del passato ci aiuta a comprendere come il nostro pianeta risponde all'aumento continuo di emissioni di gas serra. Su questa tematica di ricerca l’INGV partecipa al progetto europeo BE-OI volto a ricostruire la variazione del contenuto dei gas serra dell’atmosfera durante il periodo di transizione fra le ciclicità climatiche nell’ultimo milione e mezzo di anni. Il progetto IT-BE-OI The Italian Scientific Contribution to the Beyond EPICA - Oldest Ice Project (finanziato in parte dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020), si prefigge infatti come obiettivo la ricerca e la perforazione di ghiaccio di tale età presente nella calotta est-antartica.

news9 antartide2L’INGV, oltre a partecipare alla scelta del sito, metterà a disposizione l'insieme dei dati acquisiti dal 1995 a oggi mediante la strumentazione RES (Radio Echo Sounding), ovvero tecniche radar volte alla misurazione dello spessore dei ghiacciai e delle calotte polari. Tra le attività in programma, anche la progettazione delle misure geofisiche di dettaglio da effettuare nei prossimi 5 anni. "Nel periodo della spedizione, i mezzi mobili della traversa ITASE (International Trans-Anctartic Scientific Exploration) utilizzati sul plateau antartico dal 1997 ad oggi e un nuovo gatto delle nevi, saranno spostati a Little Dome C dove si suppone possa esistere un ghiaccio di tale età”, afferma Stefano Urbini, ricercatore INGV, "Essi costituiranno il campo base per le attività del progetto che riguarderanno i rilievi RES di dettaglio a terra e l'installazione di una rete di deformazione GPS (Global Positioning System)".

news9 antartide3L'Italia, attraverso il PNRA (Programma Nazionale di Ricerca in Antartide) aveva già partecipato al progetto europeo EPICA (European Project for Ice Coring in Antarctica), uno studio paleoclimatico basato sulla perforazione e analisi di una carota di ghiaccio lunga 3270 m, che ha consentito di ricostruire in dettaglio le relazioni fra le percentuali di gas serra (CO2 e CH4) e le variazioni di temperatura degli ultimi 900.000 anni.

Saranno due, invece, gli Osservatori Geomagnetici italiani presenti in Antartide, uno alla Stazione Mario Zucchelli e l'altro alla stazione Concordia dove vengono misurate le variazioni temporali del campo magnetico terrestre. "Per testare il buon funzionamento della strumentazione, verranno effettuati interventi di aggiornamento, manutenzione ed elaborazione dei dati acquisiti. Misure manuali permetteranno di calibrare l’intero set di dati provenienti dalla strumentazione automatica", spiega Stefania Lepidi ricercatrice INGV, "e saranno inoltre effettuati importanti interventi sulla linea di trasmissione introducendo la fibra ottica per migliorare la qualità dei dati acquisiti".

news9 antartide4

Nelle stazioni Concordia e Mario Zucchelli è inoltre prevista l’installazione di due nuovi strumenti che, grazie alla disponibilità dei satelliti europei Galileo, renderà possibile effettuare innovative misure presso gli Osservatori Ionosferici Italiani in Antartide. In particolare, riporta il ricercatore INGV, Vincenzo Romano "Riusciremo a studiare il fenomeno della scintillazione ionosferica che genera dei forti disturbi sui sistemi di navigazione satellitare quali il GPS ed il recente Galileo. Gli effetti di tali disturbi possono generare errori nel posizionamento dei mezzi di trasporto e presentare un rischio per la sicurezza delle persone. Grazie alla collaborazione tra l’INGV, il Politecnico di Torino e l’Istituto di Ricerca Mario Boella sarà possibile studiare questi fenomeni di disturbo nei segnali satellitari e proporre dei metodi per ridurne i rischi".

Lo stato delle attività dei vulcani Melbourne e Rittmann situati nella Terra Vittoria, sarà, infine, monitorato attraverso il progetto ICE-VOLC (coordinato dall’Università degli Studi di Perugia), mediante la valutazione delle manifestazioni vulcaniche subaeree e di ricostruzione delle dinamiche legate al loro sistema di alimentazione. "Esploreremo le grotte nel ghiaccio formate dal gas fumarolico caldo emesso dai vulcani", afferma il ricercatore INGV Gaetano Giudice che farà parte della spedizione, "e procederemo al prelevamento dei fluidi di origine magmatica (gas e liquidi), per ottenere informazioni sulle attuali caratteristiche del sistema magmatico che è alla base dei due vulcani e lo scambio di questi fluidi in atmosfera". Nella seconda parte della spedizione “saranno installati sismometri a larga banda sui vulcani per investigare i segnali prodotti dal movimento di fluidi al loro interno e prelevati campioni di cenere e rocce vulcaniche per comprendere meglio la loro storia eruttiva", aggiunge Graziano Larocca, tecnico INGV.

Newsletter n.9

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

on 13 Ottobre 2016

L’Italia riscopre ancora una volta la sua fragilità. Il 24 agosto alle 3.36, un sisma di magnitudo 6.0 della scala...

Che percezione abbiamo del terremoto?

Che percezione abbiamo del terremoto?

on 12 Ottobre 2016

Solo 6 italiani su 100 hanno una percezione della pericolosità sismica nelle zone sismiche più pericolose del nostro. E meno...

Casa dolce casa, ma sicura

Casa dolce casa, ma sicura

on 12 Ottobre 2016

Le immagini delle case e degli edifici pubblici ad Amatrice, Accumoli e in decine di frazioni a seguito del terremoto...

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

on 12 Ottobre 2016

L’Associazione Nazionale Italiana Cantanti e l’Associazione “#IOCISONO” sono scese in campo allo Stadio Comunale "Manlio Scopigno" di Rieti il 4...

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

on 12 Ottobre 2016

Sono circa 40 le fotografie significative raccolte nell’album Terremoto in Italia centrale del 24 agosto 2016, M=6 - effetti del...

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

on 12 Ottobre 2016

Con le mappe è possibile raccontare storie, riassumere avvenimenti accaduti nel tempo, mostrarne il cambiamento. Ma può avvenire anche il...

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

on 12 Ottobre 2016

A un mese e mezzo dal terremoto che ha sconvolto il centro Italia, Io Non Rischio si prepara a tornare...

Marsili, il gigante del Mediterraneo

Marsili, il gigante del Mediterraneo

on 12 Ottobre 2016

È oramai una star indiscussa del web. Non passa giorno che non compaia qualche notizia su un suo possibile risveglio....

L'INGV parte per l'Antartide

L'INGV parte per l'Antartide

on 12 Ottobre 2016

Lo studio dell'aria intrappolata nel ghiaccio delle calotte glaciali per conoscerne la sua composizione, gli interventi di aggiornamento e manutenzione...

SEACleaner: Una sfida da condividere

SEACleaner: Una sfida da condividere

on 12 Ottobre 2016

Gli habitat marini di tutto il mondo sono contaminati da rifiuti antropici, detti anche marine litter, che vengono abbandonati in...

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

on 12 Ottobre 2016

I Campi Flegrei, ad ovest della città di Napoli, sono un campo vulcanico caratterizzato da vulcanismo esplosivo e da collassi...

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

on 12 Ottobre 2016

Numerosi gli eventi alla Casa del Cinema di Roma per la Notte Europea dei Ricercatori. L'iniziativa, promossa dalla Comunità Europea,...

Giuliana si racconta

Giuliana si racconta

on 12 Ottobre 2016

Renato Sartini, giornalista scientifico, ripercorre la storia del cetaceo attraverso il documentario “Giallo ocra – Il mistero del fossile di...

Non di soli PAPER vive il ricercatore

Non di soli PAPER vive il ricercatore

on 12 Ottobre 2016

La ricca produzione di materiale editoriale dei ricercatori INGV "Publish or perish" recita il motto inglese per ricordare che il...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
5
7
9
10
12
13
14
16
17
19
20
Data : Mercoledì 20 Febbraio 2019
21
Data : Giovedì 21 Febbraio 2019
23
Data : Sabato 23 Febbraio 2019
24
Data : Domenica 24 Febbraio 2019
26
Data : Martedì 26 Febbraio 2019
27
Data : Mercoledì 27 Febbraio 2019
28
Data : Giovedì 28 Febbraio 2019
righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia

ingvambientewp

righetta grigia
box Gallery 232