news9 seacleaner1Gli habitat marini di tutto il mondo sono contaminati da rifiuti antropici, detti anche marine litter, che vengono abbandonati in ambiente marino, costiero o fluviale. La loro presenza è una minaccia per gli organismi marini e per la salute umana, tanto che questo problema è stato inserito tra gli 11 indicatori della Marine Strategy Framework Directive (MSFD) definita dell’Unione Europea per descrivere la qualità degli ambienti marini. Dal 2013 l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) è impegnato nel progetto SEACleaner, accanto al Consiglio Nazionale Ricerche - Istituto di Scienze MARine della Spezia (CNR-ISMAR) e al Distretto Ligure delle Tecnologie Marine (DLTM), con il duplice obiettivo di monitorare l’accumulo di rifiuti spiaggiati (beached marine litter) nell’areale costiero del Santuario dei Cetacei e di sensibilizzare la popolazione su questo delicato argomento.

“Il progetto”, spiega Marina Locritani, ricercatrice dell’INGV, “è partito con un gruppo di 6 studenti di un Istituto Scolastico Superiore spezzino e ad oggi ha visto coinvolti ben 450 studenti tra scuole Superiori e Medie. Questo è stato possibile principalmente grazie allo strumento di Alternanza Scuola-Lavoro e alla collaborazione con il Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale del Comune della Spezia (LabTER)”. L’INGV partecipa al progetto in modo attivo: i ricercatori guidano i ragazzi nel monitoraggio delle spiagge, nella catalogazione dei beached marine litter, nell’analisi dei dati raccolti e nel calcolo del tasso di accumulo mensile.

“Questo approccio consente di raccogliere una grande quantità di dati, e allo stesso tempo permette agli studenti di partecipare ad una ricerca scientifica e di vivere un’esperienza unica. A testimonianza di ciò, spesso accade che gli studenti rimangano increduli di fronte alla quantità di rifiuti che si trovano nelle zone dei Parchi Naturali Marini normalmente non accessibili ai bagnanti e alle imbarcazioni (Zona A)”, continua Locritani.

Infatti, grazie alla collaborazione di 4 Parchi Nazionali e Regionali, è stata data la possibilità ai ricercatori e agli studenti di accedere alle zone di protezione maggiore, dove i rifiuti provengono unicamente dal mare. I risultati scientifici di questi primi anni di progetto sono stati presentati, tra l’altro, in una tesi di Laurea Specialistica del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa. I risultati didattico-divulgativi di queste attività, invece, sono stati illustrati in una pubblicazione scientifica edita nel 2015 sull’edizione speciale della rivista Marine Technology Society Journal (Blue Futures: Educating the Next Generation). Ma divulgazione vuol dire anche possibilità di cambiare la percezione e la visione del nostro mondo. Da due anni, infatti, alcuni ricercatori INGV in collaborazione con il Gruppo La Spezia “Golfo delle Scienze” stanno portando avanti uno studio pilota mirato a quantificare gli effetti delle attività didattico scientifiche svolte sul territorio.

news9 seacleaner2“La valutazione di impatto sugli studenti è stata fatta grazie all’utilizzo di questionari sulla percezione della scienza, che sono stati somministrati all’inizio e alla fine del percorso di Alternanza Scuola-Lavoro e ad una percentuale rappresentativa di studenti della provincia che non hanno partecipato al progetto. Dal confronto dei dati è stato possibile constatare un significativo incremento dell’interesse scientifico nei ragazzi che hanno partecipato a SEACleaner e rispetto a quelli che non hanno mai partecipato”, aggiunge Locritani.

Visto il successo dell’approccio, i ricercatori INGV si impegnano ad andare oltre. Il prossimo passo sarà quello di attivare un esperimento, in collaborazione con CNR-ISMAR, DLTM e Università, che comporterà il rilascio di dischi biodegradabili di sughero all'interno del fiume Arno.

“La raccolta dei dischi spiaggiati lungo l'areale di nostro interesse, che sarà effettuata da studenti e volontari, ci permetterà di avere dati diretti sulle loro percentuali di distribuzione. Questi dati saranno intersecati con dati di corrente in modo da avere una stima più precisa di quali possono essere i punti di rilascio e di accumulo dei beached marine litter”, prosegue Locritani.

Il lavoro fatto durante un anno di progetto è stato descritto in un video-dossier: “Marine Rubbish: Una sfida da condividere”. Il documentario è distribuito dalla webTV del CNR ed è stato prodotto da CNR-ISMAR grazie ai fondi della Notte Europea dei Ricercatori 2014-2015 e alla collaborazione di DLTM e INGV. Oltre ad essere stato selezionato per il Festival CinemAmbiente di Torino, il documentario è stato presentato in altre due importanti rassegne cinematografiche: ‘Clorofilla’ organizzata da Legambiente, in programma a Porto Cesareo (Lecce, 5-15 agosto 2016) e ‘Life after oil’, film festival internazionale che si è tenuto a Stintino (SS) dal 4 al 7 agosto 2016. Tradotto in 3 lingue (inglese, francese e italiano), è disponibile in italiano a questo link.

Newsletter n.9

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

Editoriale - In piazza con "Io Non Rischio"

on 13 Ottobre 2016

L’Italia riscopre ancora una volta la sua fragilità. Il 24 agosto alle 3.36, un sisma di magnitudo 6.0 della scala...

Che percezione abbiamo del terremoto?

Che percezione abbiamo del terremoto?

on 12 Ottobre 2016

Solo 6 italiani su 100 hanno una percezione della pericolosità sismica nelle zone sismiche più pericolose del nostro. E meno...

Casa dolce casa, ma sicura

Casa dolce casa, ma sicura

on 12 Ottobre 2016

Le immagini delle case e degli edifici pubblici ad Amatrice, Accumoli e in decine di frazioni a seguito del terremoto...

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

INGV in campo con "#IOCISONO" – Progetto Sorriso

on 12 Ottobre 2016

L’Associazione Nazionale Italiana Cantanti e l’Associazione “#IOCISONO” sono scese in campo allo Stadio Comunale "Manlio Scopigno" di Rieti il 4...

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

Flickr_INGV e il terremoto dell’Italia centrale del 24 agosto

on 12 Ottobre 2016

Sono circa 40 le fotografie significative raccolte nell’album Terremoto in Italia centrale del 24 agosto 2016, M=6 - effetti del...

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

Il sisma in Italia centrale attraverso la Story Maps

on 12 Ottobre 2016

Con le mappe è possibile raccontare storie, riassumere avvenimenti accaduti nel tempo, mostrarne il cambiamento. Ma può avvenire anche il...

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

Io Non Rischio: 15 e 16 ottobre in 700 piazze italiane

on 12 Ottobre 2016

A un mese e mezzo dal terremoto che ha sconvolto il centro Italia, Io Non Rischio si prepara a tornare...

Marsili, il gigante del Mediterraneo

Marsili, il gigante del Mediterraneo

on 12 Ottobre 2016

È oramai una star indiscussa del web. Non passa giorno che non compaia qualche notizia su un suo possibile risveglio....

L'INGV parte per l'Antartide

L'INGV parte per l'Antartide

on 12 Ottobre 2016

Lo studio dell'aria intrappolata nel ghiaccio delle calotte glaciali per conoscerne la sua composizione, gli interventi di aggiornamento e manutenzione...

SEACleaner: Una sfida da condividere

SEACleaner: Una sfida da condividere

on 12 Ottobre 2016

Gli habitat marini di tutto il mondo sono contaminati da rifiuti antropici, detti anche marine litter, che vengono abbandonati in...

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

Bradisismo: una prova dell’Uniformitarismo e del tempo profondo

on 12 Ottobre 2016

I Campi Flegrei, ad ovest della città di Napoli, sono un campo vulcanico caratterizzato da vulcanismo esplosivo e da collassi...

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

La Scienza è di scena alla Casa del Cinema di Roma

on 12 Ottobre 2016

Numerosi gli eventi alla Casa del Cinema di Roma per la Notte Europea dei Ricercatori. L'iniziativa, promossa dalla Comunità Europea,...

Giuliana si racconta

Giuliana si racconta

on 12 Ottobre 2016

Renato Sartini, giornalista scientifico, ripercorre la storia del cetaceo attraverso il documentario “Giallo ocra – Il mistero del fossile di...

Non di soli PAPER vive il ricercatore

Non di soli PAPER vive il ricercatore

on 12 Ottobre 2016

La ricca produzione di materiale editoriale dei ricercatori INGV "Publish or perish" recita il motto inglese per ricordare che il...

Seguici

social facebook  social flickr youtube1

righetta grigia

Box rassegna

righetta grigia

righetta grigia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
righetta grigia

ingvterremotiwp

righetta grigia

ingvambientewp

box Gallery 232